3

La risposta di EdiBimbi

Questa la risposta che abbiamo ricevuto alla nostra mail. Con l’invito di trovare altri titoli consoni alle nostre “personalissime” richieste. Insomma, ci hanno gentilmente mandato a quel paese. Almeno però hanno risposto.

“Gentile Signora,

è nostra abitudine prestare molta attenzione a tutte le critiche -anche soggettive, molto particolari, di merito e non- che ci raggiungono.

Ringraziandola della Sua, la invito a sfogliare i nostri cataloghi e a scegliere un libro più consono alle sue personalissime richieste.

 

Con i nostri migliori auguri xxxxxxxxxxx”

Annunci
9

La nostra mail a EdiBimbi

Gentile gruppo EdiCart Srl e responsabili,
è con profondo sdegno che mi sono ritrovata a sfogliare due libri cartonati per bambini del vostro marchio EdiBimbi trovati su uno scaffale del supermercato: si tratta di Paroline per bimbi e paroline per bimbe. In una società come la nostra, dove la discriminazione di genere è così pesante e insita in ogni ambiente e contesto, trovo ripugnante proporre un modello di differenziazione (e ben marcato anche!) su una delle cose più neutro che esistono: le parole.
Così i bambini, che si trovano divisi in tutto, dai giochi ai lavori, con categorie ben distinte fin dalla più tenere età (categorie che sono gli adulti a decidere e creare), si trovano ora anche a non poter scegliere quali paroline imparare, apprezzare, usare. E così per i maschietti (il robot li invita a diventare ingegneri e costruttori?) parole come aereo (che si sa, parola tipicamente ad uso maschile), stivali di gomma e cane. Per le femminucce (dedite invece alla cucina come mette in evidenza il pasticcino in copertina), sandaletti (ma chi usa ancora sandaletti?!), anello, principessa, ballerina e cagnolino (perchè cane è troppo virile).
Non notate anche voi una chiara discriminazione, come se tutte le bimbe amassero il ballo, sognassero la cucina e indossassero sandeletti rosa.
Certamente per voi sarà una riuscita trovata di marketing, ma a quale costo per i nostri bambini?
Il vostro prodotto è assolutamente inadeguato, discriminatorio, subdolo e diciamolo pure, anche se è una parola tanto abusata, sessista. Chiunque abbia concepito un “libro” così, dovrebbe vergognarsi, e si spera che non abbia figli.

Una madre indignata (di un bimbo maschio)

0

Ancora sulla discriminazione di genere: sesso diverso, parole diverse?

Lo sapevate che esistono prime parole per i bambini e prime parole per le bambine? Sì, parole da insegnare solo ai maschi e parole apposite per le bambine. A deciderlo la casa editrice EdiBimbi (ora Edi Cart), che ha pubblicato due libri cartonati distinti: Paroline per i bimbi, Paroline per le bimbe. Sulla copertina del primo c’è un robot, del secondo un pasticcino. E qui il primo messaggio (subliminale): di qua ingegneri di là a cucinare.

Ma è sfogliandoli (e qui devo veramente ringraziare il gruppo facebook https://www.facebook.com/pages/Un-altro-genere-di-comunicazione/114603571928685 e il loro blog: http://comunicazionedigenere.wordpress.com/) che si scorge l’orribile e subdola discriminazione di genere: voi lo sapevate che la parola cane è per i bambini e la parola cagnolino è per le bambine? Ora lo sapete….

Un’ altra mail sarà presto spedita alla casa editrice EdiCart.

La battaglia contro le discriminazioni di genere continua, perchè  la discriminazione è subdola, si traveste, assume forme che ci ingannano (è già orribile l’aver creato due libri separati), si appropria di cose e concetti che sono assolutamente neutri e che dovrebbero valere così nella loro forma per maschi e femmine e invece la discriminazione li cambia, li imposta, li marchia.

Non abbassiamo la guardia, qui ne va del futuro dei nostri figli, e della nostra società.

paroline per  i bimbi e paroline per le bimbe ediBimbi

0

Noi leggiamo….Merry Christmas

merry christmas calendario dell'avventoE’ arrivato dicembre e si avvicina Natale. Per gli amanti dei libri ecco un calendario dell’ Avvento da leggere. Dal primo al 25 dicembre, ogni giorno si solleva una finestrella e c’è una filastrocca da leggere e un’ illustrazione da guardare.

Un’ottima idea per i piccoli lettori!

Merry Christmas
Giunti Editore