0

Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

Oggi è la giornata internazionale dei diritti dell’infanzia. Dovrebbero essere ovvi, eppure occorre una giornata dedicata per ricordare al mondo cosa sono, per chi sono, perché ci sono. Per ricordare che i bambini esistono e vanno rispettati in quanto tali.

I bambini hanno tanti diritti, non sempre rispettati, in alcuni luoghi mai rispettati. I diritti fondamentali, quelli ad avere una famiglia, a crescere in un ambiente sano, a ricevere cure adeguate, al gioco, all’istruzione…

Poi ci sono altri diritti, fondamentali anche questi, che noi spesso dimentichiamo perché si pensa che garantire i primi basti a garantire un’esistenza piena e felice.

In questo bell’elenco dell’associazione italiana massaggio infantile ne vengono presi in considerazione alcuni, altri se ne potrebbero aggiungere, molti, moltissimi altri.

Noi ne aggiungiamo uno che ne racchiude tanti, e che rappresenta lo spirito di ogni bambino:

IL DIRITTO ALLO STUPORE

e voi, quale altro diritto volete ribadire con forza?

giornata internazionale dei diritti dell'infanzia

Annunci
0

L’infila calzini: imparare giocando

Imparare a togliersi e mettersi la maglietta o infilare e sfilare i pantaloni, allacciare le scarpe con gli strappi o mettersi la cuffia sono azioni che i bambini lasciati liberi di vestirsi e svestirsi da soli imparano con un po’ di pratica ma quasi sempre con facilità. Abbiamo invece notato che c’è una cosa che ancora il nostro bimbo di 23 mesi fa molta fatica a fare: infilarsi i calzini. Ci prova e riprova da mesi senza riuscirci e alla fine li getta via arrabbiato.

Abbiamo pensato allora di realizzare un infila calzini con il quale allenarsi: rotoli di carta igienica finiti ne avevamo molti, un pezzo di legno come base e del polistirolo hanno dato vita ad un gioco facile da realizzare e divertente da usare…..i calzini spaiati da usare per esercitarsi ne avevamo di ogni tipo: corti, lunghi, leggeri e pesanti (giuro che io metto sempre la coppia in lavatrice, ma ne esce spesso uno solo!)

Infine un tocco di tempera e del cartoncino blu per dare un aspetto più uniforme e il gioco, è il caso di dirlo, è fatto!

Cosa serve:

– tre o più rotoli finiti di carta igienica

-una base (di legno o cartone)

– polistirolo per riempire i rotoli

– cartoncino e tempera

-colla vinilica, forbici

Come si realizza:

Dipingete la base e ricoprite i rotoli con cartoncino dello stesso colore (potete anche rivestire la base con il cartoncino o dipingere i rotoli).

Facendo pressione sul polistirolo con i rotoli di carta igienica ricavate tre o più interni per i rotoli. Fissateli all’interno dei rotoli con la vinilica e infine attaccate con la vinilica i rotoli sulla base.

(Si può realizzare un infila calzini anche in altre decine di maniere diverse, basta anche una scatola da scarpe dove incastrare i rotoli di carta igienica)

l'infila calzini

0

Attività montessoriane: ecco qualche idea

Cosa proporre ai bambini verso i due anni? Qui troverete qualche spunto tratto dalle attività che più piacciono al nostro bimbo e che ha iniziato a fare dai 20 mesi circa:

attività montessoriane

– Carta e animale: basta stampare qualche carta con gli animali più comuni o preferiti e avere qualche animaletto in plastica da parte da posizionare sulla sua carta. Se ci scriverete il nome dell’animale potrebbero diventare le prime carte delle nomenclature.

– uova di legno. Da toccare, maneggiare, prendere con la pinza e spostare e perché no far rotolare in giro per la stanza.

– il memory tattile: per ora fatto a occhi aperti, associando colori e materiali sia con la vista che con il tatto. Più avanti da fare ad occhi chiusi

– lo stendino per allenare la motricità fine (ne abbiamo parlato qui)

– un piccolo puzzle di legno

– Avvitare, incastrare, ruotare e alla fine servire il caffè: una piccola moka in disuso diventa una perfetta attività montessoriana.

Sistemare le attività in vassoio o recipienti aiuta il bambino a prendere e riporre le attività in autonomia, asseconda il bisogno e la predisposizione naturale dei bambini all’ordine e aiuta a creare un ambiente a misura di bambino dove il bambino possa muoversi con sicurezza perché ha modo di sapere sempre cosa c’è in quel determinato ambiente, dove sono le sue cose e come le può usare.

Queste sono alcune delle decine di attività che potete proporre ai vostri bimbi. E le vostre, quali sono?

 

0

La scatola della sabbia

giocareconlasabbia1Che bello! Che bello!, citando il titolo di un libro meraviglioso, avere un po’ di sabbia in casa, anzi, una scatola piena di sabbia. Sabbia fine e profumata (profumata di estate e di giochi e di castelli) chiusa in un contenitore da aprire quando lo si desidera. Una paletta, qualche animale di plastica, sassi per creare ambientazioni: pochi gli ingredienti per divertirsi una volta aperto il coperchio della scatola.

sabbia 3Ma anche senza niente, senza “ingredienti aggiunti”, la sabbia in sé per sé basta: si scava nella sabbia, si sgrana la sabbia, la sabbia scivola tra le dita, la sabbia si trasforma e trasforma la scatola.

sabbia 4Sabbia fine, con il suo profumo e il suo suono, suono di granelli che scorrono tra le mani, e sui cucchiai, dentro i bicchieri, anche sul pavimento (stendere magari un telo plastificato aiuterà nella pulizia a scatola chiusa.)

La scatola della sabbia permette ai bambini di sperimentare con tutti i sensi (classico anche quello del gusto), ed è un ottimo strumento per sperimentare: la sabbia si può bagnare, la sabbia può riempire contenitori di varie misure, la sabbia può dar vita a nuove forme e oggetti.

Basta una scatola e della sabbia, e un mondo intero sarà a disposizione dei vostri bimbi in ogni stagione dell’anno.