0

Un libro al giorno: Due Mostri

Attenzione, questo libro è divertentissimo!

due mostri 3Due Mostri è uno di quei libri che i bambini vi chiederanno di leggere e rileggere e che voi stessi leggerete ogni volta in maniera diversa senza stancarvi mai.

Ci sono due mostri, uno rosso e uno blu, che abitano ai lati opposti di una montagna. Non si sono mai visti ma si possono parlare attraverso un buco. Una sera il primo mostro dice all’altro: “Guarda, il giorno se ne va” e il secondo mostro “Ma no, è la notte che arriva sciocco”. “Io sono sciocco? E tu allora sei uno scemo!” dice il secondo. E inizia un litigio a colpi di offese sempre più grandi (niente di volgare) e lancio di massi sempre più grossi fino a quando la montagna si sgretola e entrambi i mostri si rendono conto che nessuno aveva torto, e che entrambi avevano ragione. E il finale è degno del racconto “Ci siamo divertiti” dice uno dei mostri. “E’ vero” dice il secondo mostro “Peccato per la montagna”.

Perché Due Mostri diverte così tanto? Prima di tutto per i due mostri, che non fanno perduemostri1 niente paura: tozzi, zampe corte, zanne e squame che nel complesso li rendono buffi più che spaventosi.

Poi per i dialoghi esilaranti, così simili a certi litigi tra bambini che si dicono di tutto, fino al “non sono più tuo amico” e poi riprendono a giocare come se niente fosse.
Alcuni potrebbero trovare troppo questi dialoghi esagerati per dei bambini ai quali siamo soliti ripetere “Non si dice così”, ma in questo libro stanno a pennello e soprattutto i bambini capiscono che è il linguaggio dei mostri, mostri arrabbiati e litigiosi, ma mostri che rimangono tra le pagine del libro.

Iduemostri2l finale è tenero: i mostri si vedono per la prima volta, tutta la rabbia passa, le offese terminano e  si riconoscono come simili, si avvicinano e in quel momento il litigio non sembra più così importante. “Peccato per la montagna” dice il secondo mostro, montagna ormai distrutta. Ma in fin dei conti, la montagna divideva i due mostri, e averla distrutta per ritrovassi non è un male.

Due Mostri (David McKee, Lapis Edizioni) è anche un modo diverso per sfogare la rabbia leggendo: si può leggere gridando, si può leggere mimando, si può leggere recitando i dialoghi e facendo uscire tutte le frustrazioni, sia quelle dei piccoli che quelle dei grandi.

due-mostri-di-david-mckee-lapis-L-eVYUkj

Annunci